La passeggiata

La passeggiata

domenica 26 marzo 2017

Acacia

Risultati immagini per acacia legno

Legno di colore giallo con venature brune o verdastre, duro e tenace, resistente ai tarli, pesante ma al contempo poroso. Quando appartiene alla specie detta Australiana il legno si presenta di colore rossastro e violaceo. Il suo bell'aspetto ne fa un'essenza apprezzata in ebanisteria, sia per la costruzione vera e propria dei mobili che per l'intarsio e per gli oggetti torniti.

sabato 25 febbraio 2017

Abete

Risultati immagini per abete legno 

Abete

Legno chiaro, tenero e resinoso. Utilizzato sovente per la realizzazione delle parti interne dei mobili, più raramente per quella esterna, eccezion fatta per i mobili rustici e per quelli destinati a assere laccati o dipinti, come i mobili veneziani e gustaviani del "700. Esiste sia nella varietà bianca, dal crema al giallo marroncino pallido,che in quella rossa, bianco rossastra. Una curiosità: dalla corteccia dell'abete bianco si ricava un'essenza: è l'acqua regia o essenza di trementina o di Strasburgo.

giovedì 9 febbraio 2017

Agrippina


Risultati immagini per agrippina divano
 Immagine dal web

Agrippina

Così si chiama un divano da riposo destinato a una sola persona, in voga verso la fine del XIX secolo: il nome lo deve a una scultura rappresentante appunto Agrippina adagiata ( Musei Capitolini, Roma). Deriva infatti dal "triclinium" romano e si presenta con un bracciolo posto su un solo lato che poi continua in un ampia spalliera digradante verso il lato corto nella parte opposta. ( E' una variante della dormeuse di cui scriverò in seguito).

domenica 5 febbraio 2017

Accoudoir o appoggiatoio






















(Img dal web)

Accoudoir o appoggiatoio

Termine che indica la parte superiore di uno schienale a forma di T di una sedia su cui ci si poteva appoggiare e standovi seduti a cavalcioni e da dietro in piedi, esempio: seguire una partita a carte stando alle spalle del giocatore. Lo stesso termine si applica anche alla parte imbottita di un bracciolo di una poltrona.

Abattant

(Immagine presa dal Web)

Carissimi, a quanti di voi piace girare per mercatini? Presumo tanti. Quante volte si ammira un mobile che ci piace ma non sappiamo come si chiama e più di tutto a che epoca appartiene, ebbene  vi fornirò una guida dalla A alla Z che vi condurrà nel meraviglioso e confusionario mondo dei Mobili Antichi. Confusionario perchè  nel mio lavoro di  (restauratrice) ho visto e continuo a vedere mobili vecchi o  peggio ancora antichi, ricoperti di svariati colori, quindi rovinati, senza più valore. Scriverò tutti i termini scientifici e popolari per poter parlare e capire di mobili.  Spero di farvi cosa gradita.

Emyly

Abattant

In italiano "calatoia" o "ribalta". Indica un'anta posta nella parte superiore di un mobile, calata ad angolo retto a formare un piano di scrittura. Al suo interno si celano spesso una serie di cassetti e cassettini, tiretti, nicchie, il cui insieme è chiamato "castelletto" o "scarabattolo". Nel XVI secolo l'abattant venne adottata in Italia per stipi e studioli, mentre nei secoli XVII e XVIII divenne l'elemento caratterizzante di alcuni mobili come Bureau, Bureau-Trumeau e Secrètaire.



martedì 15 novembre 2016

Sonni tranquilli

Risultati immagini per lavanda

Oltre a essere un fiore profumatissimo, normalmente usato per mantenere fresca la biancheria riposta nell'armadio, la lavanda ha anche propreità calmanti. Si può preparare un cuscino "concilia-sonno" nel seguente modo: farcisci un normale cuscino con 25 g di fiori di lavanda, 15 g di fiori di camomilla, 25 g di fiori di melissa, 20 g di fiori d'arancio e 15 g di petali di rosa e...
Sogni D'oro!!

martedì 1 novembre 2016

1 e 2 novembre Ognissanti/All Hallows'Day

Risultati immagini per 1 novembre

Il  giorno di Ognissanti, l'anglossasone All Hallows' Day, secondo la tradizione pagana, inizia quando tramonta il sole la sera prima di Samhain, la festa dei morti. Nel settimo secolo fu trasformato in una celebrazione di tutti i santi e i martiri conosciuti dalla chiesa cattolica; in origine veniva festeggiato il 13 maggio, ma fu spostato a questa data nell'ottavo secolo, per farlo coincidere con la festa pagana dei morti. Si tratta di un momento di intercessione per le anime dei defunti che non sono ancora state purificate e non sono ascese al cielo. Familiari e parenti rivolgono preghiere ai loro cari nella speranza di aiutarli. Alla ricorrenza sono associati mascherate, falò, la decorazione delle tombe e giochi di chiromanzia.